“Entre chien et loup” – Le fotografie di Sophie-Anne Herin in mostra

“Entre chien et loup” – Le fotografie di Sophie-Anne Herin in mostra

28 Marzo 2024 - 16 Giugno 2024
All Day
Castello Gamba
Mostra

Mercoledì 27 marzo 2024 alle ore 18 sarà inaugurata al Castello Gamba di Châtillon – Museo di Arte moderna e contemporanea della Valle d’Aosta, la mostra fotografica Entre chien et loup dell’artista valdostana Sophie-Anne Herin. L’inaugurazione sarà preceduta, alle ore 17, da un incontro dedicato ai giornalisti.

L’esposizione, che sarà visitabile fino al 16 giugno 2024, è stata realizzata in stretta sinergia con la Struttura Patrimonio storico artistico e gestione dei siti culturali della Soprintendenza e curata da Olga Gambari, giornalista, critica e curatrice indipendente che da anni si occupa di progetti artistici multidisciplinari.

Il titolo dell’esposizione, Entre chien et loup, deriva da un’antica espressione francese traducibile in italiano con “al calare della notte” e racchiude in sé il significato del progetto: raccontare quel particolare momento della giornata caratterizzato dal passaggio dalla luce al buio. È il tempo della penombra durante il quale non è possibile distinguere un cane da un lupo, come scriveva nel XVI secolo il poeta francese Jean-Antoine Baïf.

Il crepuscolo raccontato da Sophie-Anne Herin è quello dell’Envers, il versante valdostano occupato prevalentemente da boschi e caratterizzato dalla scarsità di ore di luce nei mesi invernali. Si tratta, come scrive Olga Gambari nel testo critico dedicato alla mostra, di “un mondo inverso fuori dal tempo dove l’artista ci immerge, attraverso un lavoro fotografico unito a un allestimento che prende la forma di un percorso iniziatico”.

Le immagini proposte giocano sui contrasti di luci, raccontando ciascuna la propria storia attraverso uno stile libero. “Sono nata in un paese che in inverno non gode di molte ore di luce e l’idea della penombra è qualcosa di familiare – spiega Sophie-Anne Herin –, una particolare declinazione di luminosità che orienta il mio sguardo.”

La restituzione visiva della Valle d’Aosta è del tutto peculiare, tecnicamente condotta sottoesponendo le immagini in fase di ripresa fotografica, digitale e analogica, con l’obiettivo di creare immagini crepuscolari”, spiega Viviana Maria Vallet, Dirigente della Struttura patrimonio storico artistico e gestione siti culturali e Coordinatore scientifico del Castello Gamba.

Quasi rievocando il noto ‘mito della caverna’ di platonica memoria, il percorso di questa esposizione, al di là della romantica e onirica dimensione dei soggetti scelti, ci prende per mano e ci accompagna attraverso le sfumature di un personale crepuscolo interiore: le luci e le ombre racchiuse in ognuno di noi”, ha spiegato Jean-Pierre Guichardaz, Assessore regionale ai Beni e alle attività culturali, Sistema educativo e Politiche per le relazioni intergenerazionali.