VIAGGIO ALLE ORIGINI

La visita dell’Area megalitica di Aosta è un invito a scoprire le pieghe più nascoste della città, la sua anima e la sua storia plurimillenaria raggiungendo il quartiere periferico di Saint-Martin-de-Corléans.
Sorge qui, infatti, l’Area Megalitica coperta più vasta d’Europa: un luogo speciale dove il sito si fa museo e il museo si fa sito in un continuo dialogo visivo che accompagna il visitatore.

Un’area dove storia, leggenda e credenze popolari si mescolano e si sovrappongono tra sacro e profano, a cavallo tra mondo pagano e mondo cristiano.
Un luogo dove incontrare il mito e sentirsi Argonauti del futuro.

CENNI STORICI  Appartenuto per secoli alla famiglia Challant, il castello conserva i caratteri di una elegante e raffinata dimora signorile della fine del Quattrocento.

Nel corso del tempo gli edifici esistenti furono ampliati e uniti, creando un unico palazzo a ferro di cavallo, affacciato su un ampio cortile e un giardino all‘italiana, sul cui alto muro di cinta erano dipinti personaggi famosi ed eroi. L’ampio porticato al piano terreno protegge una serie di lunette affrescate con scene di vita quotidiana e rappresentazioni di botteghe, mentre il centro del cortile è ornato dalla celebre fontana in ferro forgiato detta del Melograno, simbolo di prosperità. Molti ambienti del castello sono decorati con affreschi, sia nelle zone di rappresentanza, quali la Sala di Giustizia o la Cappella, sia nelle stanze più private, quali gli oratori di Margherita de La Chambre o di Giorgio di Challant. Dopo i fasti del Cinquecento, la residenza si avviò verso un progressivo declino e nel 1872 fu venduta all’asta pubblica.

La dimora fu acquistata dal pittore torinese Vittorio Avondo: egli, con un’attenta campagna di restauro, restituì al maniero il suo splendore. Il castello di Issogne si presenta oggi con alcuni elementi dell‘originale mobilia e altri arredi rifatti alla fine dell’Ottocento che insieme a numerosi oggetti d‘uso domestico ripropongono l‘ambientazione tardo quattrocentesca voluta da Avondo, al quale è stato recentemente dedicato un percorso di visita.

PERCORSI DI VISITA  Appartenuto per secoli alla famiglia Challant, il castello conserva i caratteri di una elegante e raffinata dimora signorile della fine del Quattrocento.

Nel corso del tempo gli edifici esistenti furono ampliati e uniti, creando un unico palazzo a ferro di cavallo, affacciato su un ampio cortile e un giardino all‘italiana, sul cui alto muro di cinta erano dipinti personaggi famosi ed eroi. L’ampio porticato al piano terreno protegge una serie di lunette affrescate con scene di vita quotidiana e rappresentazioni di botteghe, mentre il centro del cortile è ornato dalla celebre fontana in ferro forgiato detta del Melograno, simbolo di prosperità. Molti ambienti del castello sono decorati con affreschi, sia nelle zone di rappresentanza, quali la Sala di Giustizia o la Cappella, sia nelle stanze più private, quali gli oratori di Margherita de La Chambre o di Giorgio di Challant. Dopo i fasti del Cinquecento, la residenza si avviò verso un progressivo declino e nel 1872 fu venduta all’asta pubblica.

La dimora fu acquistata dal pittore torinese Vittorio Avondo: egli, con un’attenta campagna di restauro, restituì al maniero il suo splendore. Il castello di Issogne si presenta oggi con alcuni elementi dell‘originale mobilia e altri arredi rifatti alla fine dell’Ottocento che insieme a numerosi oggetti d‘uso domestico ripropongono l‘ambientazione tardo quattrocentesca voluta da Avondo, al quale è stato recentemente dedicato un percorso di visita.

MEDIA GALLERY  Appartenuto per secoli alla famiglia Challant, il castello conserva i caratteri di una elegante e raffinata dimora signorile della fine del Quattrocento.

Nel corso del tempo gli edifici esistenti furono ampliati e uniti, creando un unico palazzo a ferro di cavallo, affacciato su un ampio cortile e un giardino all‘italiana, sul cui alto muro di cinta erano dipinti personaggi famosi ed eroi. L’ampio porticato al piano terreno protegge una serie di lunette affrescate con scene di vita quotidiana e rappresentazioni di botteghe, mentre il centro del cortile è ornato dalla celebre fontana in ferro forgiato detta del Melograno, simbolo di prosperità. Molti ambienti del castello sono decorati con affreschi, sia nelle zone di rappresentanza, quali la Sala di Giustizia o la Cappella, sia nelle stanze più private, quali gli oratori di Margherita de La Chambre o di Giorgio di Challant. Dopo i fasti del Cinquecento, la residenza si avviò verso un progressivo declino e nel 1872 fu venduta all’asta pubblica.

La dimora fu acquistata dal pittore torinese Vittorio Avondo: egli, con un’attenta campagna di restauro, restituì al maniero il suo splendore. Il castello di Issogne si presenta oggi con alcuni elementi dell‘originale mobilia e altri arredi rifatti alla fine dell’Ottocento che insieme a numerosi oggetti d‘uso domestico ripropongono l‘ambientazione tardo quattrocentesca voluta da Avondo, al quale è stato recentemente dedicato un percorso di visita.

PROTAGONISTI  Appartenuto per secoli alla famiglia Challant, il castello conserva i caratteri di una elegante e raffinata dimora signorile della fine del Quattrocento.

Nel corso del tempo gli edifici esistenti furono ampliati e uniti, creando un unico palazzo a ferro di cavallo, affacciato su un ampio cortile e un giardino all‘italiana, sul cui alto muro di cinta erano dipinti personaggi famosi ed eroi. L’ampio porticato al piano terreno protegge una serie di lunette affrescate con scene di vita quotidiana e rappresentazioni di botteghe, mentre il centro del cortile è ornato dalla celebre fontana in ferro forgiato detta del Melograno, simbolo di prosperità. Molti ambienti del castello sono decorati con affreschi, sia nelle zone di rappresentanza, quali la Sala di Giustizia o la Cappella, sia nelle stanze più private, quali gli oratori di Margherita de La Chambre o di Giorgio di Challant. Dopo i fasti del Cinquecento, la residenza si avviò verso un progressivo declino e nel 1872 fu venduta all’asta pubblica.

La dimora fu acquistata dal pittore torinese Vittorio Avondo: egli, con un’attenta campagna di restauro, restituì al maniero il suo splendore. Il castello di Issogne si presenta oggi con alcuni elementi dell‘originale mobilia e altri arredi rifatti alla fine dell’Ottocento che insieme a numerosi oggetti d‘uso domestico ripropongono l‘ambientazione tardo quattrocentesca voluta da Avondo, al quale è stato recentemente dedicato un percorso di visita.

ACQUISTA IL BIGLIETTO Appartenuto per secoli alla famiglia Challant, il castello conserva i caratteri di una elegante e raffinata dimora signorile della fine del Quattrocento.

Nel corso del tempo gli edifici esistenti furono ampliati e uniti, creando un unico palazzo a ferro di cavallo, affacciato su un ampio cortile e un giardino all‘italiana, sul cui alto muro di cinta erano dipinti personaggi famosi ed eroi. L’ampio porticato al piano terreno protegge una serie di lunette affrescate con scene di vita quotidiana e rappresentazioni di botteghe, mentre il centro del cortile è ornato dalla celebre fontana in ferro forgiato detta del Melograno, simbolo di prosperità. Molti ambienti del castello sono decorati con affreschi, sia nelle zone di rappresentanza, quali la Sala di Giustizia o la Cappella, sia nelle stanze più private, quali gli oratori di Margherita de La Chambre o di Giorgio di Challant. Dopo i fasti del Cinquecento, la residenza si avviò verso un progressivo declino e nel 1872 fu venduta all’asta pubblica.

La dimora fu acquistata dal pittore torinese Vittorio Avondo: egli, con un’attenta campagna di restauro, restituì al maniero il suo splendore. Il castello di Issogne si presenta oggi con alcuni elementi dell‘originale mobilia e altri arredi rifatti alla fine dell’Ottocento che insieme a numerosi oggetti d‘uso domestico ripropongono l‘ambientazione tardo quattrocentesca voluta da Avondo, al quale è stato recentemente dedicato un percorso di visita.

Informazioni
Area Megalitica
Corso Saint-Martin-de Corléans 258
AOSTA
tel. 0165552420
e-mail: beniculturali@regione.vda.it
Orari
Ottobre – Marzo: 10.00 – 18.00
Aprile – Settembre: 9.00 – 19.00
Chiuso il lunedì
Chiuso 25 dicembre e 1°gennaio

Biglietti
Ingresso ridotto per i possessori del biglietto cumulativo “Aosta Archeologica”

COME ARRIVARE
Dall’autostrada A5 (Torino/Aosta) uscita Aosta Est seguire le indicazioni per Aosta e proseguire sulla strada statale SS26 in direzione di Courmayeur.
Oltrepassata la rotonda dell’ospedale regionale, proseguire per circa 1,6 km fino al primo semaforo. Al semaforo svoltare a sinistra e poi allo stop ancora a sinistra. L’entrata del sito si trova a circa 200m più avanti.
Per chi proviene da Courmayeur – uscita autostrada A5 Aosta Ovest – proseguire sulla strada statale SS26 in direzione di Aosta. Arrivati all’entrata di Aosta non seguire per Aosta centro ma proseguire sul cavalcavia in direzione Torino. Superato il cartello Aosta, passare il semaforo e girare a destra dopo circa 250 m, imboccando Corso Saint-Martin-de-Corléans. L’entrata del sito si trova circa 200 metri più avanti.
Per chi arriva in treno o autobus ad Aosta, utilizzare le linee autobus urbane n. 3 “P.za Manzetti-Montan-Beauregard-Bret-P.za Manzetti” e n. 8 “P.zza Manzetti-Area Megalitica-Dipartimento Trasporti” e scendere alla fermata Area Megalitica.

CENNI STORICI

TRA PASSATO E FUTURO

LE ORIGINI

IL DECLINO E LA RINASCITA

IL PUNTO DI ARRIVO

L’Area Megalitica si rivela un prezioso scrigno di testimonianze archeologiche che, dalla tarda epoca neolitica a oggi, restituiscono alla città un patrimonio di oltre 6000 anni di storia.
Dalla Preistoria al Medioevo, passando attraverso le Età del Rame, del Bronzo, del Ferro fino a tutta l’epoca romana, l’età tardoantica e altomedievale, questo sito offre ai visitatori uno straordinario viaggio nel tempo in una cornice affascinante che lega passato e futuro.
La definizione di “area megalitica” di fatto sintetizza la molteplice identità di questo sito aostano che testimonia l’esistenza di un’area sacra destinata a diverse e ripetute manifestazioni legate al culto e alla sepoltura.

Tutto ha inizio alla fine del V millennio a.C., con le tracce di un gesto antico ma che gli uomini avevano appreso da poco: l’aratura.
In campagna non vi è gesto forse più consueto, ma che qui diventa rito attraverso l’incisione di un ampio terreno che viene scelto e reso sacro. Un gesto semplice ma di incredibile portata sociale e religiosa.
Un santuario all’aperto destinato al culto dei viventi, connotato da pali lignei totemici e stele antropomorfe litiche, che solo alla fine del III millennio assumerà funzioni funerarie, divenendo una necropoli privilegiata, con tombe megalitiche di varia tipologia.

Al sorgere dell’età del Bronzo, attorno al 2300 a.C., e per cause ancora da precisare, il sito viene progressivamente abbandonato e interessato, per oltre un millennio, solo da attività agricole funzionali.
Con la prima Età del Ferro (prima metà del I millennio a.C.), il sito torna a essere utilizzato a scopo funerario-cultuale; in seguito confermerà la destinazione funeraria testimoniando l’avvicendarsi di diverse pratiche, dall’inumazione all’incinerazione.
Durante l’età romana il sito è un’importante zona insediativa e agricola oltre che funeraria: resti di un grande edificio rurale si accompagnano alle tracce di una necropoli sorta lungo una via secondaria suburbana.
In età tardoantica la zona mantiene la destinazione agricola e funeraria che progressivamente lascerà il posto a una riconversione naturale e rurale affiancata dal persistere dell’uso cimiteriale e della presenza di abitato.

La successiva nascita di un edificio dal forte valore simbolico e sacrale, la chiesa di Saint-Martin de Corléans, può essere considerato il punto d’arrivo del processo di trasformazione del sito culminato nel XII secolo con la genesi di un nuovo polo religioso di aggregazione, figlio di un mutato contesto socio-culturale.
https://youtu.be/KoS2xe2sZS4

PROTAGONISTI

Franco Mezzena
Franco Mezzena Area Megalitica Aosta

Nato a Verona nel 1940. Diploma di maturità scientifica. Assistente al Museo di Storia Naturale di Verona dal 1957 al 1967. Ha integrato la sua formazione nelle scienze naturali presso le università di Padova e Modena. Per un cinquantennio ha eseguito ricerche e scavi nel Veronese, nel Gargano e in Sicilia, con speciale riguardo all’arte preistorica. Nel 1969 ha individuato ad Aosta le prime testimonianze riferibili all’Area megalitica di Saint-Martin-de-Corléans, da lui scavate poi per oltre un ventennio. Contemporaneamente agli scavi promosse e coordinò un’esplorazione sistematica del territorio valdostano che portò ad individuare una serie di notevoli insediamenti protostorici dei Salassi, dal fondovalle all’alta montagna. Tutela ed opportuni scavi sarebbero indispensabili per tutti i siti della preistoria e in particolare della protostoria della Valle d’Aosta.

FOCUS

Mappa musei Valle d'Aosta

Area3 Area6 Area7 Area13 Area9 Area10 Area11 Area12

SCOPRI I CASTELLII SITI ARCHEOLOGICI E I MUSEI DELLA VALLE D'AOSTA

SCEGLI LA META DEL TUO VIAGGIO

Mappa musei Valle d'Aosta Area1 Area3 Area4 Area5

SCOPRI I CASTELLII SITI ARCHEOLOGICI E I MUSEI DELLA VALLE D'AOSTA

SCEGLI LA META DEL TUO VIAGGIO

CHÂTEAU DE FÉNIS

CHÂTEAU DE FÉNIS 6

CHÂTEAU DE FÉNIS7

EVENTI

Imagines pietatis. La scultura senza tempo di François Cerise
Château Sarriod de La Tour
dal 6 Dicembre 2023 al 20 Ottobre 2024

Imagines pietatis. La scultura senza tempo di François Cerise

Scopri il paradiso dei santi che, tra devozione e tradizione, tramandano un’iconografia secolare: visite accompagnate, dal martedì alla domenica, alle ore 18.

“Entre chien et loup” – Le fotografie di Sophie-Anne Herin in mostra
Castello Gamba
dal 28 Marzo 2024 al 16 Giugno 2024

“Entre chien et loup” – Le fotografie di Sophie-Anne Herin in mostra

Mercoledì 27 marzo 2024 alle ore 18 sarà inaugurata al Castello Gamba di Châtillon - Museo di Arte moderna e contemporanea...

Mostra fotografica “Pietre parlanti nella Preistoria”
Area megalitica
dal 29 Marzo 2024 al 15 Giugno 2024

Mostra fotografica “Pietre parlanti nella Preistoria”

Giovedì 28 marzo 2024, alle ore 18, verrà inaugurata presso l’Area megalitica di Aosta la mostra Pietre parlanti nella Preistoria....

Le avventure di Charlotte. Alla scoperta dei castelli della Valle d’Aosta
dal 11 Maggio 2024 al 20 Ottobre 2024

Le avventure di Charlotte. Alla scoperta dei castelli della Valle d’Aosta

A caccia di tesori nei castelli della Valle d’Aosta con Charlotte: 11-12 maggio, 20-21 luglio, 28-29 settembre e 19-20 ottobre 2024. Scopri la programmazione.

Giornata Internazionale dei Musei
dal 18 Maggio 2024 al 19 Maggio 2024

Giornata Internazionale dei Musei

46a Giornata Internazionale dei Musei promossa dall’ICOM – International Council of Museums.

Marché aux Fleurs
Château d’Aymavilles
dal 15 Giugno 2024 al 16 Giugno 2024

Marché aux Fleurs

Una mostra-mercato florovivaistica organizzata in collaborazione con l’ Associazione produttori floro-vivaisti, Asproflor, che vede coinvolti alcuni tra i più importanti espositori regionali e nazionali del settore.